Manifesto_A4_web.jpg

Esercizi per Scomparire

25 - 26 -27  novembre ore 21.00

Teatro del Lavoro

ESERCIZI PER SCOMPARIRE

AMALIA FRANCO​

di Amalia Franco e Gianluca Vigone

in coproduzione con La Terra Galleggiante/Teatro del Lavoro, Pinerolo

con il supporto di

Workspace Ricerca X / research & dramaturgy, Torino

TRAC_Centro di residenza pugliese-Crest-Teatro Tatà di Taranto

Maison Copeau, Pernand Vergelesses

‘Immagino un elenco numerato in cui perdere il filo, nonostante o data la presenza dei numeri: l’elenco numerato di esercizi propedeutici alla sparizione.’

L’opera agisce come ‘corpo intensivo, attivo localmente per salti, scarti, vibrazioni e modulazioni’.

Più che di una scrittura drammaturgica, si tratta di un dispositivo, che dà all’opera la forma di uno zibaldone dei pensieri, o dei pensierini bambini. La figura, il corpo danzante e la parola sono gli elementi atti alla costruzione di molecole specializzate, i singoli esercizi, in cui è attiva la

tecnologia del corpo, che disgrega, lega, moltiplica le cellule. Si tratta di un esercizio di appropriazione ed uso sconsiderato dei codici, necessario alla localizzazione (nel corpo) del pensiero.

Gli Esercizi si esercitano nell’indeterminatezza, nel dominio del ‘pressappoco’, del non misurabile.

L’attenzione è sullo spostamento dalla centralità dell’opera intesa come fatto concluso alla composizione come luogo decentralizzato.